Investimenti per la ripresa 2022: linea efficientamento energetico del processo produttivo

Contributi a fondo perduto fino a 50.000 euro per gli interventi di efficientamento energetico destinati alle PMI lombarde del settore manifatturiero. Apertura dello sportello 25 ottobre 2022.

Il termometro dell’agevolato

Accessibilità

Rapporto costi/benefici

Come leggere il termometro

Legenda:

    alto
    medio
    basso

Accessibilità: rileva la facilità di accesso al bando considerando le competenze necessarie e l’impegno richiesto per partecipare alla misura

Rapporto costi/benefici: indica il beneficio ottenibile in rapporto all’impegno richiesto per partecipare alla misura

Rispetto delle tempistiche: indica quanto la misura rispetti le scadenze e le tempistiche stabilite nel bando

Tasso di successo: rappresenta il rapporto tra domande presentate e domande accolte e finanziate

Per essere sempre pronti a partecipare a bandi di finanza agevolata, consigliamo di utilizzare il Check-up dell'agevolato di Bancopass.

Per tutte le altre opportunità attive, può visitare La finanza a portata di click.

Indice dei contenuti

Soggetti beneficiari

La Regione Lombardia ha esteso la misura "Linea efficientamento energetico del processo produttivo" anche alle PMI lombarde non artigiane iscritte e attive da almeno 12 mesi nel Registro imprese con codice Ateco nella sezione C (attività manifatturiere). La misura è stata, inoltre, rifinanziata con circa 8 milioni di euro.

Agevolazione

L’agevolazione, erogata in de minimis, consiste in un contributo a fondo perduto fino al 50% dei costi ammissibili, nel limite massimo di 50.000 euro. L'investimento minimo previsto è pari a 15.000 euro.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese strettamente funzionali all’efficientamento energetico(1) del sito produttivo relative alle seguenti voci:

  1. acquisto e installazione di collettori solari termici e/o impianti di micro-cogenerazione con potenza massima di 200 kWel;
  2. acquisto e installazione di impianti fotovoltaici per l’autoproduzione di energia con fonti rinnovabili;
  3. acquisto e installazione di macchinari e attrezzature in sostituzione dei macchinari e delle attrezzature in uso nel sito produttivo;
  4. acquisto e installazione di caldaie ad alta efficienza a condensazione, a biomassa5 ovvero pompe di calore in sostituzione delle caldaie in uso;
  5. acquisto e installazione di sistemi di domotica per il risparmio energetico e di monitoraggio dei consumi energetici;
  6. acquisto e installazione di apparecchi LED a basso consumo in sostituzione dell'illuminazione tradizionale (a fluorescenza, incandescenza o alogena, etc.);
  7. costi per opere murarie, impiantistica e costi assimilati nel limite del 20% delle precedenti lettere da 1) a 6) che costituiscono spesa ammissibile solo se direttamente correlati e funzionali all’installazione dei beni oggetto di investimento;
  8. spese tecniche di consulenza correlate alla realizzazione dell’intervento (progettazione, direzione lavori, relazioni tecniche specialistiche comprese quelle richieste dalla presente misura nel rispetto dei requisiti di ammissibilità delle spese 6 , contributi obbligatori dei professionisti, ecc.) nel limite del 20% dei costi di cui alle precedenti voci da 1) a 7).

Le spese 1) e 2) sono ammissibili a contributo solo in presenza di almeno una delle spese  3), 4), 5), 6) per il valore minimo dell’investimento ammissibile (15.000 euro).

Le spese devono essere rendicontate entro il 30/06/2023.

Presentazione della domanda ed erogazione contributo

La misura è al momento disponibile solo per le micro e piccole imprese artigiane e la presentazione della domanda è articolata in due fasi:

  • la prima fase nella quale il tecnico(2) scelto dall'azienda dovrà inserire la relazione tecnica sul programma di efficientamento; La prima fase è necessaria per consentire la presentazione della successiva domanda di contributo da parte dell’impresa;
  • la seconda fase in cui l'impresa richiedente effettuerà la domanda di contributo.

Le modalità per la presentazione della domanda sono riportate al seguente link.

L'apertura dello sportello è il 25 ottobre 2022 alle ore 10:00. Le domande vengono valutate secondo l’ordine cronologico di presentazione fino ad esaurimento dei fondi. L’erogazione del contributo a fondo perduto avviene in un’unica soluzione a saldo, previa verifica della rendicontazione presentata.

Contatti

La invitiamo a richiedere on line un appuntamento oppure a contattare l’Area Credito e Finanza, fin@assolombarda.it, tel. 02.58370704, per maggiori informazioni su questa notizia; un confronto sugli incentivi disponibili; un’assistenza nella stima delle esigenze di liquidità, nella costruzione di business plan e nel dialogo con i finanziatori; un approfondimento sul supporto personalizzato di Assolombarda Servizi, che integra i servizi di Assolombarda con una consulenza specializzata.

Ulteriori informazioni e chiarimenti possono essere richiesti agli esperti Energia: Sede di Milano: tel. 02.58370.206/511, e-mail: energia@assolombarda.it.
Sede di Pavia: tel. 0382.37521, e-mail: pavia@assolombarda.it.

Note

(1) L’efficientamento energetico del sito produttivo (individuato dall’impresa quale sede di realizzazione dell’investimento) e del ciclo produttivo deve essere attestato da un tecnico iscritto al proprio ordine professionale competente per materia, che deve concordare con l’impresa gli interventi da realizzare e valutare i consumi pre e post-intervento e la relativa riduzione, nonché l’eventuale produzione di energia da fonti rinnovabili. In fase di domanda, è necessario trasmettere la relazione del Tecnico in cui sono sintetizzati gli interventi da effettuare ed è indicato il risparmio energetico, espresso in TEP (tonnellate equivalenti di petrolio) evitati da conseguire nella sede dell’impresa indicata nella relazione stessa.

(2) Il tecnico deve avere i seguenti requisiti: - iscrizione ad uno dei seguenti albi: a) Dottori Agronomi e Dottori Forestali; b) Agrotecnici e Agrotecnici laureati; c) Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori; d) Geologi; e) Geometri; f) Ingegneri; g) Periti agrari e Periti agrari laureati; h) Periti industriali e Periti industriali laureati; - non abbia vincoli di dipendenza con il soggetto richiedente.

Ripensare l’impresa per la sostenibilità: dal modello di business alla governance

Ripensare l’impresa per la sostenibilità: dal modello di business alla governance

Tavola rotonda: come gestire i rischi nelle operazioni di M&A?

Tavola rotonda: come gestire i rischi nelle operazioni di M&A?

Inflazione, cambi ed energia: una strategia oltre l’emergenza

Inflazione, cambi ed energia: una strategia oltre l’emergenza

Dal check-up dell’agevolato alla costruzione del business plan e alla comunicazione ESG: le novità in Bancopass

Dal check-up dell’agevolato alla costruzione del business plan e alla comunicazione ESG: le novità in Bancopass