Anticipazione - Corporate Sustainability Due Diligence Directive (CSDDD): i nuovi obblighi di due diligence sostenibile per le imprese

Proseguono i lavori dell’UE sulla Direttiva relativa alla due diligence di sostenibilità delle imprese. Saranno interessate le aziende di tutte le dimensioni: sia quelle direttamente coinvolte dagli obblighi, sia quelle facenti parte delle catene di fornitura.

Vuole rimanere aggiornato su questa news?
-- clicchi qui --

Sommario

Che cos'è la CSDDD

La futura Corporate Sustainability Due Diligence Directive (CSDDD) richiederà alle imprese di gestire i rischi legati al rispetto dei diritti umani e agli impatti ambientali(1) che potrebbero generarsi nelle attività che svolgono e nelle catene del valore a cui partecipano. Ciò avrà impatti sulle politiche e strategie aziendali, sulle operazioni e sulle qualifiche di fornitura.

Le aziende dovranno, infatti, svolgere attività di dovuta diligenza all’interno delle proprie operazioni e a monte e a valle della propria supply chain, per prevenire o attenuare gli effetti potenziali, ed eliminare o ridurre al minimo gli effetti reali. Inoltre, le aziende dovranno attuare piani di transizione per ridurre le proprie emissioni climalteranti, affinché il loro modello di business e la loro strategia siano compatibili con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici.

L'iter di approvazione

La proposta di Direttiva era stata presentata dalla Commissione Europea il 23 febbraio 2022. Il 14 dicembre 2023 il Parlamento e il Consiglio dell'UE hanno raggiunto un accordo politico sugli aspetti più controversi, tra cui l’ambito di applicazione, le responsabilità delle imprese inadempienti e le sanzioni. Dopo due tentativi della Presidenza belga del Consiglio di sottoporre a votazione degli ambasciatori degli Stati membri al Coreper il 28 febbraio e il 9 marzo 2024, entrambe rinviate perché senza maggioranza qualificata, il 15 marzo scorso è stato raggiunto il compromesso. Gli ambasciatori degli Stati membri dell’Ue hanno, infatti, approvato a maggioranza qualificata il testo della direttiva, a cui è seguita il 19 marzo l'approvazione anche da parte della commissione Juri del Parlamento europeo. L’ultimo step sarà la votazione durante la sessione plenaria del Parlamento del 24 aprile.

L'ambito di applicazione

Le aziende che saranno soggette agli obblighi della CSDDD saranno  le imprese e le società madri dell'UE con più di 1.000 dipendenti e un fatturato netto mondiale superiore a 450 milioni di euro, a partire dal 2026.

I servizi finanziari sono al momento esclusi dall’ambito di applicazione della direttiva, così come le PMI, che però potrebbero essere interessate all’interno delle catene di fornitura, in qualità di appaltatori e subappaltatori delle società obbligate.  

Le sanzioni e le attività di vigilanza

Le norme sulla due diligence aziendale in materia di sostenibilità saranno applicate attraverso:

  • Supervisione amministrativa: ogni Paese dell’UE istituirà un’autorità di vigilanza per verificare che le imprese rispettino gli obblighi previsti dalla Direttiva. Questi organismi collaboreranno a livello europeo tramite la Rete europea delle autorità di vigilanza, istituita dalla Commissione. Potranno avviare ispezioni e indagini e imporre sanzioni alle aziende inadempienti fino al 5% del loro fatturato netto mondiale.
  • Responsabilità civile: le persone colpite da un danno subito a causa di una violazione dei diritti umani o degli standard ambientali, così come i sindacati e le organizzazioni della società civile, potranno intentare un’azione legale entro cinque anni e, nel caso, essere risarcite.

Se stai leggendo questa notizia, potresti trovare interessante anche...

Contatti

La invitiamo a richiedere online un appuntamento  oppure a contattare l’Area Credito e Finanzafin@assolombarda.it, tel. 02.58370704, per: maggiori informazioni su questa notizia; un approfondimento sulle opportunità derivanti dalla finanza sostenibile; un accompagnamento sui servizi dedicati alla sostenibilità di Assolombarda Servizi, che integra i servizi di Assolombarda con una consulenza specializzata.

Note

(1) Gli impatti negativi relativi ai diritti umani includono il lavoro coatto, il lavoro minorile, l'inadeguatezza delle condizioni di igiene e sicurezza sul lavoro, lo sfruttamento dei lavoratori, mentre gli impatti ambientali comprendono le emissioni di gas a effetto serra, l'inquinamento o la perdita di biodiversità e il degrado degli ecosistemi.

Azioni sul documento

Appuntamenti
7 Mag

Zona Sud Ovest - Sicurezza sul lavoro: Bando ISI INAIL 2023

hh 17:00 - 19:30

8 Mag

Che difficoltà questa sostenibilità!

hh 17:00 - 19:00

13 Mag

Esploriamo insieme Bancopass: il Check-up d'impresa

hh 11:00 - 11:45

14 Mag

Capitale di rischio: oltre il sentito dire - Le operazioni di capitale fra le imprese

hh 16:00 - 19:30

12 Giu

Esploriamo insieme Bancopass: il Business Plan e il modello di presentazione aziendale

hh 11:00 - 11:45

Rendicontazione ESG: a che punto siamo?

Rendicontazione ESG: a che punto siamo?

Il nuovo “de minimis”: luci, ombre e gli impatti sul Fondo di Garanzia e sulle principali agevolazioni

Il nuovo “de minimis”: luci, ombre e gli impatti sul Fondo di Garanzia e sulle principali agevolazioni

Capitale di rischio: oltre il sentito dire

Capitale di rischio: oltre il sentito dire

Bando Ricerca&Innova

Bando Ricerca&Innova

Il valore di un’idea sta nel metterla in pratica
[Thomas Edison]
Risparmio

Se stai leggendo questa frase significa che non stai navigando da qualche minuto e questa modalità di risparmio energetico ti permette di consumare meno quando sei inattivo.

Alle volte per fare bene basta un piccolo gesto: perché anche il poco, giorno dopo giorno, diventerà molto.

Fare impresa sostenibile è il nostro impegno di responsabilità:
significa creare valore per le generazioni future, per gli stakeholder e per l’ambiente.

Assolombarda